L'angolo della poesia

Giusy 2019


Con on séco do a xero
la ga vinto a Dovile;
dopo tante robe bele
la voleva far sintile.

Ga sercà solo persone
pa' fare on gran squadron,
che i xe diventà mastini
e fato on figuron.

I jera anca tuti bravi
e con tante qualità,
ma i ga sonà i canpaneli
e ogni voto conquistà.

E po' intorno tanta xente
che jutava e tifava,
se ga mosso el mondo intiero...
parché Giusy meritava.

Dala Finlandia fin a Cuba,
dal Perù e dal Brasile,
tuti insieme che dixeva.
“Giusy, sindaco a Dovile!”.

La regina Elisabetta
ga dito: “auguri Giuseppina,
e se te perdi a Dovile...
la May va via doman matina”.

E vardemo l'altra squadra
che Dovile volea canbiare
ma non i savea proprio
con chi i gavea da fare.

I ga ciamà i tochi grossi
pa' farse dare na man,
con la Stefani al marcà
Ciambetti, Rucco e Donazzan.


Par 'na fotografia
e farse vedar bèi,
i se ga messo in prima fila
davanti anca ai putei.

I ga contà busìe
par ciapare quatro voti,
i ga copià el programa...
ma a Dovile no' i xe ochi.

Lo scrutinio xe sta duro:
quasi un scontro a l'arma bianca,
sbéchi e bocoli a petardi
e anca i tochi da novanta.

Coi risultati de l'Europa
i se sentiva xa paroni,
ma co' xe finìo i conti
i xe ndà a cucia, boni boni.

La batosta xe sta dura
parché i jera inboressà,
a non ghe pareva vero...
i xe sta come copà.

Non i ga vudo el corajo,
sarà stà par l'emossion,
de asistare in Comune
de Giusy la proclamassion.

E alora auguri a Giusy
e ala squadra incoronà,
gavì vinto! al lavoro!
ve lo gavì ben merità.

La squadra
del 26 Maggio 2019

Giusy prima, capo in testa,
ga sercà la qualità,
ma voleva anca persone
che gavesse umanità.

Elena, Davide ed Enrico
li conossìvimo xà,
la Lidia e Giuliano
xe sta 'na bela novità.

Anca Alessia la xe nova,
Edoardo sensa pansa,
se Italo ga esperiensa
Lara xè el novo che avansa.

Paolo Nardi, ragioniere,
con i numeri in testa,
da Alessandra casa grande
tanta xente e senpre festa.

La Francesca de sicuro
xe regina de Vivaro,
e par Laura me dispiase
la sarìa sta on faro.

De Tonino non parlemo
che da bon meridionale
con la ciacola el te conta
verità e tante bale.

Pio, invense, grande e grosso
portava tante leterine
con li auguri del Comune
e basava le nonine.

De Arciso mi non parlo
a go cuasi sogession,
el sarìa el pì importante
se vardemo la so mission.

Pensierino finale


Giusy, il grande capitano,
senpre pien de amor fraterno
co' l'angelico soriso,
la ga scatenà l'inferno.

Se la Erica ga pianto
a xe sta par comossion,
ma da l'altra parte invense
la xe stà disperassion.

La Saggin Emanuela
soto el peso de la sconfita,
la ga perso diexe chili
e tornà ala vecia vita.

Anca i bocoli de Cornelia
non se vedarà in Consilio,
forse la ciacolava massa
e i la ga mandà in esilio.

Onore a Giacomo Stivan
che tanti voti gà ciapà
da ogni parte del paese
parché tuti el ga stressà.

La Cecilia a Povolaro
la doveva spopolare,
con la Banda e col Vilino
le canpane pol sonare.

Anca Cajo ghe a ga fata,
stavolta la ghe xe ndà ben,
vedaremo in Consilio
se “in tuti” se fa el ben.

Alice, xovane avocata,
col partito ale spale,
a Dovile i ghe ga dito:
“qua le ciacole non vale!”.

El “Barbuto” che non ride
xe sta proprio stomegà,
lu volea canbiar Dovile...
ma Dovile lo ga fermà.

E che altri non eleti
tuti a casa a lavorare,
i ga tenpo sinque ani
pa' pensare e rumegare.

E ghe sarìa da denunciare
quel ometo on po' roverso,
on presidente che dal segio
se ga messo de traverso.

Ma el tenpo galantomo
lo ga suìto ben pagà,
e la Giusy a incoronare
naltra volta ghe ga tocà.

E dopo, tuti Dae Tose,
con la Giusy a festegiare,
e i ga giurà che i la ga vista
col proseco a brindare.

Per
Suggerimenti,
proposte, critiche

© 2019 Dueville in comune. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Newsletter