Le cavolate

La campagna elettorale è finita. Gli elettori di Dueville hanno decretato vincitori e vinti. Abbiamo visto tante cavolate piccole  e grandi. Potevamo anche stendere un velo pietoso, ma vediamo che si insiste. 

L'ultima cavolata del 2019

I consiglieri di minoranza ne hanno inventata un'altra delle loro. Durante l'ultimo consiglio comunale del 27 dicembre 2019, giunti ancora una volta impreparati ad affrontare nel merito gli oggetti da trattare, hanno chiesto il rinvio della seduta consiliare adducendo un ritardo nell'invio della documentazione.
Messa ai voti la proposta di rinvio è stata respinta.
 
I consiglieri di minoranza, offesi, hanno abbandonato i lavori e si sono seduti tra il pubblico.
 
In pochi minuti i consiglieri di maggiornaza hanno  così approvato tutti i punti all'ordine del giorno e sono andati a casa.
 
Ora, che il capogruppo di Cambia Dueville Giovanni Sorzato cada in questi infortuni non stupisce più di tanto, essendo un commercialista prestato alla politica, che di politica non è molto ferrato. Che ci caschino anche il giovanissimo leghista Giacomo Stivan e la giovane ed inesperta consigliera di Fratelli d'Italia Alice Barausse, ci sta anche.
Quello che stupisce è che persino Cecilia Caldognetto, che ha trascorsi di capogruppo consiliare ai tempi d'oro della Democrazia Cristiana, caschi in questi tranelli.
 
Abbandonare i lavori consiliari, lasciando campo libero alla maggioranza, non fa certo disperare la stessa, che ha i numeri per approvare velocemente tutti i punti all'ordine del giorno!
 
I tempi previsti dal regolamento per la consegna dei documenti sono stati rispettati, dice il sindaco, e lo conferma anche il segretario comunale. Dunque di cosa parliamo?
 
Orsù consiglieri comunali di Cambia Dueville, armatevi di pazienza e buona volontà e studiatevi gli oggetti all'o.d.g del consiglio, anche recandovi personalmente in municipio, e spendendoci qualche ora,  come si è sempre fatto! I vostri elettori ve ne saranno grati.

I consiglieri infiammati

 

Il post su salvini infiamma il paese

Più che infiammare il paese il post di Alessia, si badi bene, sul proprio profilo facebook, ha infiammato la testa dei consiglieri di opposizione, che l'accusano di lesa maestà, rea di aver offeso la maggioranza della popolazione duevillese, stando al risultato delle europee.

Mai un accenno, non diciamo critico, in costoro, ma almeno una riflessione sul motivo per cui non riescono ad ottenere il consenso della maggioranza dei concittadini, neppure quando sono in campo due sole liste, crediamo dovrebbero farla.

Invece si infiammano e presentano una mozione di sfiducia alla capogruppo di Dueville in comune, invitandola alle dimissioni. Mozione che viene respinta dal consiglio comunale, e finisce miseramente nel cestino.

Alesssia Nicoli, combattente per democrazia e libertà

Non crediamo che Alessia abbia bisogno di difensori d'ufficio. Lo sa fare benone da sola.  Potete leggere il suo intervento integrale in consiglio cliccando qui sotto.

L'intervento di Alessia Nicoli nel consiglio comunale del 26-09-2019

Gridare “bastardo, ebreo” ad un giornalista è vergognoso e miserevole.
Aggredire un giornalista con un pugno rompendogli la telecamera, è vergognoso e miserevole.
Dichiarare in veste di deputato che “Mattarella mi fa schifo”, è vergognoso e miserevole.
Strumentalizzare politicamente casi che coinvolgono minori in situazioni di difficoltà, è vergognoso e miserevole.
Per non citare numerosi altri esempi, rivolti alla sfera femminile, disabile, di paese di provenienza.
Ho condiviso il video degli insulti a Gad Lerner nel mio profilo FB personale, e commento che chi COMMETTE, SOSTIENE, INCITA e PLAUDE a tutto questo, è vergognoso e miserevole.
Ci serve tutta questa violenza verbale per poter rafforzare un'idea di appartenenza politica?
Voglio essere parte di una comunità che sostiene valori come il rispetto, la condivisione, l’accoglienza, il confronto sociale, il sostegno, la correttezza, la tolleranza; questo mi porta a contestare con fermezza quanto accaduto. Anche come appartenente ad un’amministrazione pubblica.
Troppo facile far rientrare tutto questo in una semplice logica di schieramento politico. Non è questo il punto. Avrei reagito allo stesso modo da chiunque fossero arrivati queste atteggiamenti. Non mi interessa da quale pulpito o rappresentante politico vengano espressi. Stiamo mettendo in discussione le regole del vivere civile, principi e valori fondamentali che non possono più essere governati da comportamenti intimidatori.
Non possiamo permetterci di chiudere gli occhi e le orecchie, di dire e pensare “ma si, va bene, sono solo parole…”. Quello che insegno ai miei figli è che se un giorno sentissero una persona gridare verso un'altra gli epiteti di ogni sorta che tutti i giorni purtroppo ancora siamo costretti a sentire, reagiscano e prendano posizione contro un atteggiamento vergognoso, senza paura. Non certo applaudendo, ridendo, o peggio ancora girandosi dall’altra parte.
Parte del mio impegno nell’essere consigliere comunale sta anche nel non essere indifferente a quello che mi accade intorno.
Se qualcuno si è sentito offeso dal post e commento che ho condiviso, me ne dispiaccio sinceramente. Voglio tuttavia sperare, anzi, lo credo, che più persone possano, indipendentemente dalla visione politica, non aver condiviso quanto accaduto.
La strada da intraprendere è lunga, e va percorsa con prese di posizione condivise a livello sociale e culturale. Senza nascondersi dietro il dito dell’offesa. Impariamo a sostenere le nostre idee, anche a livello di appartenenza politica, in modo civile, mettendoci in gioco seriamente, senza paura, con responsabilità e impegno, e le cose inizieranno a cambiare.

Trova la differenza

La prima fotografia è apparsa ieri 4 giugno 2019 sulla pagina facebook dei cambiamentisti. Le altre due ce le hanno inviate gli ex consiglieri comunali Pio Nicoli e Tonino Mongelli. Il gioco consiste nel trovare le differenze tra la prima e le altre due foto. In fondo la soluzione.

foto cambia dueville
tonino all'opera
missione compiuta

Soluzione: nella prima foto vediamo un esempio di scadente campagna elettorale fuori tempo. Nella seconda  foto vediamo Angelantonio Mongelli detto Tonino immortalato da Pio Nicoli detto Giorgio all'opera nel togliere le erbacce. Nella terza ammiriamo il portabici in tutta la sua bellezza. Missione compiuta! Il vero #cambiamento passa per piccoli gesti che ognuno di noi può compiere, ogni giorno. Grazie!  #educazionecivica #rispetto #siamounasquadra #duevilleincomune

Sgarbi elettorali

Ci segnala Erwin Fusato un illegale uso della bacheca del PD da parte di Cambia Dueville. La cosa ci sembra ben documentata dai filmati e dall'immagine. Occhio alla quarta bacheca, l'ultima a sinistra. Forse potrebbe esserci un reato, ma noi ci limitiamo a farci una risata. Ma non vi bastava l'appoggio di tutti quei simboli, anche quello del PD volevate!

simbolo fratelli d'italia

Per
Suggerimenti,
proposte, critiche

© 2019 Dueville in comune. Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Newsletter